Le ultime notizie

Fondamentali dell’investimento sostenibile

Nicolas Chaput
Global CEO and Co-CIO
ODDO BHF Asset Management

Le nostre società devono affrontare due importanti sfide: integrare le trasformazioni tecnologiche che emergono grazie all’intelligenza artificiale e affrontare i potenziali limiti causati dall’emergenza climatica e dalla necessità di ridurre le ineguaglianze, sempre però con l’ambizione di creare un modello di sviluppo più sostenibile e responsabile.

L’importanza del cambiamento climatico, di cui alcuni degli effetti più palesi sono l’innalzamento del livello del mare, i fenomeni metereologici estremi e lo spostamento delle popolazioni, è un dato di fatto per scienziati, politici e cittadini. Il 3 dicembre 2019 l’organizzazione meteorologica mondiale ha scritto che “il 2019 conclude un decennio di riscaldamento globale e ritiro dei ghiacci eccezionali, nonché d’innalzamento record del livello del mare, a causa dei gas a effetto serra prodotti da attività umane”

Non vi sono dubbi che gli impatti combinati delle trasformazioni tecnologiche e dell’emergenza climatica trasformeranno i nostri modelli organizzativi pubblici e privati, le nostre modalità di consumo, il nostro modo di vivere, la biodiversità, l’habitat e anche le nostre identità.

Il mondo dell’investimento deve apportare un contributo concreto a questo cambiamento, che è sia una necessità che un’opportunità. Siamo certi che integrare criteri ambientali, sociali e di governance nelle nostre decisioni d’investimento fornirà un contributo positivo a questo cambiamento. Le autorità pubbliche fanno bene a intervenire. La Commissione Europea, per esempio, sta lavorando alla definizione di un sistema di classificazione o “tassonomia” delle attività economiche considerate “sostenibili dal punto di vista ambientale” affinché gli investitori possano decidere di conseguenza come indirizzare i flussi finanziari.

Anche se il tema "ambientale" al momento è sulla bocca di tutti, non dobbiamo trascurare le componenti “sociale” e “governance”. Dalla politica di genere e la diversità, passando per i diritti umani e per l’allineamento di interessi tra azionisti/obbligazionisti, gestori e dipendenti, grazie all’investimento sostenibile facciamo il possibile per comprendere e valutare gli aspetti non strettamente finanziari degli emittenti in cui investiamo.

Pensiamo che il nostro ruolo consista nel fornire ai nostri clienti e dipendenti le informazioni necessarie a comprendere appieno l’investimento responsabile.

Con il nostro documento “Le basi dell’investimento sostenibile” (Basics of sustainable investing), intendiamo guidare gli investitori che iniziano ad interessarsi a questo problema e vogliono acquisire nozioni di base sull’investimento sostenibile.

ODDO BHF Asset Management è protagonista dell’investimento sostenibile dal 2010, da quando ha sottoscritto i Principi d’investimento responsabile (PRI*). Le nostre principali strategie oggi integrano criteri di ESG, e sette dei nostri fondi aperti hanno ricevuto la denominazione SRI**, nonché due certificati FNG***. A inizio 2019 abbiamo definito un’ambiziosa roadmap fino al 2021, incentrata su quattro assi: copertura ESG, integrazione ESG, strategia sul clima e formazione.

* PRI: i Principi d’investimento responsabile (PRI) sono stati lanciati dalle Nazioni Unite nel 2005 per spronare gli investitori a tenere conto di principi d’investimento sostenibile nei loro processi d’investimento. ** Denominazione SRI (“ISR”): creato e sostenuto dal Ministero francese delle finanze, questo label SRI mira a fare luce sugli investimenti socialmente responsabili (SRI) per investitori in Francia e in Europa. La denominazione SRI, assegnata dopo un rigoroso processo svolto da organismi indipendenti, rappresenta un benchmark unico nel suo genere per coloro che vogliono contribuire ad un’economia più sostenibile. *** FNG: la denominazione FNG, assegnata dal Forum tedesco dell’investimento sostenibile (Forum Nachhaltige Geldanlagen), garantisce la qualità SRI dei fondi distribuiti in Germania ed è nata nel 2015, dopo un processo di sviluppo durato tre anni che ha coinvolto i principali stakeholder. La certificazione FNG dev’essere rinnovata ogni anno.

download.jpg
Leggi di più

Le ultime notizie